martedì 25 giugno 2019

Bike Vintage Alpe Adria: una pedalata chic in città

Siete amanti dello stile vintage e delle bici d'epoca?
Segnatevi subito in agenda questo appuntamento imperdibile: il Bike vintage Alpe Adria , il 29 giugno a Udine e il 31 agosto a Spilimbergo


Un' occasione unica e divertente di scoprire la città di Udine in sella ad una vecchi bicicletta in abbigliamento vintage.
Nata dall'idea delle Tre Zie : Federica, Chiara e Marinella , si tratta di una pedalata non competitiva che si propone di scoprire gli angoli più nascosti delle città e dei paesi della nostra regione.

https://www.facebook.com/BikeVintageAlpeAdria/

https://www.facebook.com/BikeVintageAlpeAdria/
Ovviamente, per partecipare esistono alcune regole da seguire...Quali?
Innanzitutto possedere una vecchia bici d'epoca ( ma se non ce l'avete ci pensano loro a noleggiarvene una) e seguire un dress code che prevede eleganti abiti stile anni '50 per le donne e completi retro per gli uomini, lasciando libero spazio a cappelli, guanti e acconciature.





Quest'anno la pedalata sarà accompagnata da delle guide turistiche che, grazie a particolari auricolari, in sella alle loro bici guideranno i partecipanti alla scoperta della storia e dell'architettura della città.
Per l'occasione poi il centro storico si trasformerà in un vero e proprio borgo vintage retro grazie alla partecipazione di artigiani che richiamano vecchi mestieri.



Possiamo trovare tra i vari anche una fioraia  che saprà abbellire le vostre bici con bellissimi fiori colorati o per voi uomini un elegante lustrascarpe ( Eleonora Madame lustrascarpe) che vi offrirà un servizio di lustratura shoeshine old style rigorosamente fatta a mano, ma non mancheranno  barbieri, parrucchieri e molto altro.





Se volete immergervi anche voi in questa atmosfera retro vi consiglio di aprire l'armadio della nonna o visitare qualche bel negozio vintage!!!


lunedì 10 giugno 2019

Border Wine: quando i vini naturali incontrano il buon cibo


Di loro ve ne ho già parlato qualche anno fa ( qui ), esattamente quando hanno iniziato il loro percorso nel mondo del vino. Un percorso che hanno saputo seguire perfettamente e che, a distanza di 4 anni li ha portati ad essere un eccellenza nel panorama italiano dedicato al vino naturale.
Questo grazie ad un ottima organizzazione e a dei criteri di partecipazione tra i più rigidi tra tutti gli eventi italiani dedicati al vino fatto secondo natura: scelta dei terreni, rispetto della loro biodiversità, esclusione di alcuni tipi di pesticidi, additivi o di manipolazione chimico - fisica.


Ed è così che tra i suggestivi portici del Monastero di Santa Maria in Valle di Cividale del Friuli si è svolto il 4° Salone del Vino Naturale. 
Un evento che racchiude il meglio della produzione italiana ma che abbraccia anche la produzione di vignaioli del confine a nord est, nostri vicini di casa.



Tappa obbligatoria per gli amanti di questo genere enologico che ha potuto scegliere tra oltre 60 cantine, 20 delle quali provenienti proprio da Austria e Slovenia.
Un susseguirsi di assaggi, scambi di opinioni e consigli tra vignaioli, operatori del settore  e semplici appassionati 









Un viaggio nel mondo naturale, dunque, ma non solo.
Sotto i portici hanno trovato posto vari stand con prodotti enogastronomici locali e non, mentre a sfamare i visitatori le immancabili prelibatezze di Mamm, L'alimentare e del ristorante Al Tiglio.
Ma non solo, quest'anno  Border Wine, si è arricchito di nuove collaborazioni con chef stellati e nuove leve.  





Questo ha fatto di che la domenica, all'interno del refettorio del monastero venisse servita  un ottima cena a sei mani con chef come Alessandro Del Degan, Luciano Monosilio e Gianfranco Pascucci.
Il lunedì, invece, si è svolta la gran festa finale con Osteria Revolution:  un aperitivo curato nei minimi dettagli da fresche ed eclettiche realtà della nuova tradizione italiana sotto la guida del giovane critico gastronomico Lorenzo Sandano. 




C'è da dire che questo per me rimane uno dei festival a cui partecipo più volentieri. Atmosfera rilassata, allegria, sorrisi fanno da cornice all'ottima organizzazione di Valentina e Fabrizio che promettono altre belle novità per le prossime iniziative.

Birrificio Casamatta: artigiani di birra ad Enemonzo.

Spesso veniamo a conoscenza di alcune persone e di alcune cose grazie al caso.   Abbiamo conosciuto Andrea e il suo piccolo birrificio artig...